Blog :: SPYAIR: dalle strade di Nagoya al successo Mondiale

phenom89 2018-08-05


Gli SPYAIR sono una rock band giapponese nata nel 2005, originaria di Nagoya. Il nome della band deriva dalla parola “spyware”, noto tipo di virus informatico.

Attualmente sono sotto contratto con la Sony Music Associated Records, mentre a distribuire il loro materiale in Europa è la casa discografica JPU Records.


Il loro stile musicale spazia tra diversi generi, combinando elementi del rock, del pop e della musica elettronica. Tra gli artisti che più li hanno influenzati, i membri della band citano spesso: Linkin Park, Korn, Nickelback, Michael Jackson, ecc.



I membri della band


IKE (Voce) - Data di nascita: 18/4/1984

Cantante del gruppo. È l’autore di alcuni dei testi delle canzoni.


UZ (Chitarra / Programmatore) - Data di nascita: 13/12/1984

Chitarrista della band e addetto alla parte elettronica della musica. È il compositore del gruppo e all’occorrenza scrive anche i testi per le canzoni.



MOMIKEN (Basso) - Data di nascita: 14/11/1984

Bassista della band ed autore della maggior parte dei testi delle canzoni. Durante il periodo indie si esibiva indossando una maschera a gas.



KENTA (Batteria) - Data di nascita: 16/3/1985

Batterista della band.


A far parte della band c’era anche un altro membro: ENZEL. Era il DJ della band ed ha lasciato il gruppo nel 2012, al termine della prima esibizione della band al Nippon Budokan.


Dalle strade di Nagoya al successo mondiale


La storia degli SPYAIR parte in un comunissimo liceo giapponese: Ike, Momiken e Kenta frequentavano la stessa scuola (Ike e Kenta erano perfino iscritti allo stesso club di basket).

Nel Giugno del 2005, quando la sua band decide di sciogliersi, anche Uz decide di unirsi al progetto dando ufficialmente vita agli SPYAIR.

Nel periodo dal 2005 al 2009 la band si esibisce principalmente a Nagoya, inizialmente suonando all’aperto in diversi posti della città per poi passere ai principali locali della zona. Sempre in quel periodo muovono i primi passi nel mondo della discografia, cominciando ad auto-prodursi i loro primi lavori.

Durante questo periodo conoscono ENZEL, membro di supporto che entrerà ufficialmente a far parte del gruppo nel 2009.

La band riesce ad affermarsi sempre più nella scena indie giapponese, così per gli SPYAIR arrivano le prime esibizioni a Tokyo, i primi concerti sold out, ecc. Nel 2009, l'etichetta indipendente U-PROJECT li mette sotto contratto per lanciarli sul mercato nazionale. Il singolo di debutto è “Japanication”, brano che poi verrà inserito nel primo album con una major discografica.


Gli SPYAIR durante il loro periodo indie.


Il successo della band è ormai inarrestabile, tanto che il loro 100esimo concerto all’aperto (che si rivelerà il loro ultimo concerto all’aperto del loro periodo indie) attirerà ben 2000 persone.


Nel 2010 finalmente ottengo un contratto dalla major Sony Music Associated Records e l’11 Agosto viene pubblicato il loro primo singolo: “Liar”. Per festeggiare questo traguardo, Momiken decide di abbandonare la maschera a gas che lo aveva accompagnato per tutto il periodo indie: come ad indicare un nuovo punto di partenza per la band (la scena iniziale del video musicale rappresenta proprio questa scelta).


Ovviamente il successo internazionale non tarda ad arrivare. Il loro secondo singolo, “Last Moment”, viene scelto come ending di Bleach permettendo così di far conoscere la band agli appassionati di anime in tutto il mondo. Poco tempo dopo anche la loro hit “Samurai Heart” viene scelta come ending per l’anime di Gintama: in questa occasione nasce un sodalizio SPYAIR/Gintama che li accompagnerà per tutta la carriera, particolarmente fruttuoso sia dal punto di vista musicale che dei veri e propri numeri di vendite.

Il 21 Settembre 2011 viene pubblicato il primo album della band “Rockin’ The World” che raggiunge immediatamente la Top 10 degli album più venduti in Giappone.


La band continua la sua attività rilasciando diversi singoli ed esibendosi dal vivo, sia nei loro tour che nei principali festival musicali giapponesi.

Il 19 Settembre 2012 esce il secondo album della band: “Just Do It”. L’album questa volta non riesce ad entrare nel Top 10 degli album più venduti, piazzandosi al 20esimo posto.

Spinti dal successo ottenuto, il 18 Dicembre 2012 riescono a coronare il loro sogno: esibirsi al Nippon Budokan. Il concerto è a dir poco memorabile, sia per la fantastica esibizione della band che per l’addio di ENZEL alla band.


Gli SPYAIR al termine del concerto al Nippon Budokan.


Archiviato il concerto del Nippon Budokan, la band ha di nuovo l’occasione di buttarsi nuovamente nel mondo degli anime. La band viene scelta nuovamente per affiancare Gintama, viene pubblicato il singolo “Sakura Mitsutsuki” che andrà a fare da opening alla serie: la canzone si rivelerà un grande successo, tanto da essere il loro primo singolo ad entrare nella Top 10 giapponese.

A distanza di pochi mesi pubblicano Genjō Destruction”, che andrà a far parte della colonna sonora del lungometraggio animato di Gintama: la canzone ottiene un successo ancora maggiore.

Questi due singoli verranno poi inseriti nel loro terzo album: “Million”. L’album esce il 7 Agosto 2013 ed è un successo clamoroso, tanto da piazzarsi al secondo posto nelle classifiche di vendite giapponesi.


La band continua ad esibirsi e a rilasciare materiale, ma è con le collaborazione nel mondo degli anime che riesce a lascare veramente il segno. Stavolta a potersi vantare della musica degli SPYAIR è l’anime Haikyuu!!, che sceglie il loro nuovo singolo “Imagination” come opening: anche questa volta è un grande successo, piazzandosi al nono posto nelle classifiche di vendita.

Pochi mesi dopo, il 26 Novembre 2014, esce “Best”: la prima raccolta di canzoni della band. L’album raggiunge la terza posizione nella Top 10 degli album più venduti, confermando il successo della band.


Ormai gli SPYAIR sono una band affermata ed acclamata, tanto da voler fare un passo in più dal punto di vista delle esibizioni live. Il 8 Agosto 2015, nella location del Fuji-Q Highland (un parco giochi situato alla base del monte Fuji), si svolge il primo “Just Like This”: uno concerto all’aperto dove la band può esibirsi al meglio, costruendo un vero e proprio show.

Questo diventerà il “concerto per eccellenza” della band: ogni anno, nella stessa location e nello stesso periodo di tempo, viene organizzato questo grande concerto in grado mobilitare anche 15000 persone.


Gli SPYAIR durante il Just Like This del 2015.


Ovviamente nel frattempo non si è fermata. Un nuovo lavoro degli SPYAIR viene scelto per la seconda stagione dell’anime di Haikyuu!!, la canzone in questione è “I’m A Believer” e anche lei si piazza al nono posto nelle classifiche di vendita.

Un mese dopo esce il quarto album della band: “4”. L’album mantiene le aspettative dei suoi predecessori, piazzandosi al sesto posto nella Top 10 degli album più venduti in Giappone.


I successivi due anni degli SPYAIR sono fatti principalmente di esibizioni dal vivo, sia in Giappone che in diverse parti del mondo (Seoul, Taiwan, Parigi, Shangai, ecc), e di uscite di alcuni singoli: ad esempio “Be With”, opening dell’anime Mobile Suit Gundam: Iron-Blooded Orphans.


Il loro quinto album, “Kingdom”, viene pubblicato il 11 Ottobre 2017 e conferma ancora una volta il successo della band, entrando nella Top 10 degli album più venduti direttamente al quinto posto. Da questo album, tra le altre canzoni, è da segnalare “Scramble”: canzone che fa da colonna sonora al videogame per PS4 e PS Vita di Gintama.


Il 2018 degli SPYAIR è partito nel migliore dei modi. Il tour promozionale dell’ultimo album è stato un grande successo, così grande da portarli ad esibirsi di nuovo al Nippon Budokan a più di 5 anni dall’ultima esibizione. Il loro ultimo singolo, “I Wanna Be…”, è stato scelto per da opening alla nuova serie di Gintama.

Il concerto “Just Like This” del 2018, nonostante il tifone che si stava abbattendo sul Giappone, ha visto ben 15000 persone assistere al concerto.



Come se non bastasse, è stato annunciato il “SPYAIR - World Tour” che toccherà paesi come America, Messico, Brasile, Chile, Polonia, Germania, Inghilterra e Francia. Inutile dire quanto sia grande l’amarezza per non essere riusciti ad avere una data per il nostro paese, l’Italia.

Io spero che questo mio articolo serva sia a pubblicizzare questa stupenda band a tutti quelli che non la conoscono, sia a fare capire che pure in Italia c’è un gruppo di appassionati di musica giapponese che morirebbe dalla voglia di vedere questi grandissimi artisti esibirsi nel nostro paese.

Il mio sogno sarebbe riuscire a far aggiungere una data italiana al tour, e le sto provando veramente tutte: speriamo bene.


phenom89




Nickname: