FOLLOW US


175R: Biografia

175R non si legge 175R, ma Inago Raida- (letteralmente “Cavalca Cavallette”). Perché? Il tutto nasce da un soprannome di Shogo ai tempi delle elementari. Perciò ha deciso di prendere le iniziali dei numeri per comporre il nome della band: 1 è ICHI quindi “I”, 7 è NANA quindi “NA”, 5 è GO quindi “GO”, mentre RAIDA- deriva dall’Inglese “Rider”, ma fino ad oggi il reale significato del soprannome che gli venne dato è rimasto sconosciuto.

I 175R sono senz’altro una delle pop-punk band più famose in Giappone, spesso paragonati agli Shaka Labbits. Sono sulla scena da ormai diversi anni, sempre in continuo miglioramento, e non hanno mai avuto paura di sperimentare con diversi musicisti.

Nell’Ottobre del 1998, Shogo assieme a Wacchan chiese l’aiuto di Kazuya ed Isakick per formare la band. Hanno iniziato realmente la loro carriera nella primavera dell’anno successivo, vicino a Kitakyuushuu, come Support Band di numerosi gruppi famosi, ed hanno piano piano guadagnato popolarità.

Nel Maggio dello stesso anno hanno partecipato al Kurozachi Marcus risultando vincitori, ricevendo un premio di 100.000 yen

Ma subito dopo sono arrivati i primi problemi: a Luglio Wacchan ha lasciato la band. Ma siccome il Grooveroad Band Battle Contest si stava avvicinando si presentava il problema di rimpiazzarlo. Scelsero il fratello minore di Kazuya, Yoshiaki, e vinsero nuovamente, questa volta la somma di 50.000 yen.

Vista la considerevole cifra accumulata decisero di spenderne buona parte per la realizzazione del loro primo demo di 4 tracce, “1769~Inrarock~”, che fu nei negozi nell’Ottobre 1999. Nello stesso periodo espansero le loro attività nell’area di Fukuoka.

A metà del 2000 erano ormai molto conosciuti nel Kyuushuu, e dopo solo 6 mesi aprirono il concerto di Jiterin’Jinn nell’ormai familiare Kurozaki Marcus. Nel Dicembre dello stesso anno furono ospiti di B-Dash, cui seguì un ingaggio come Support Band di Kemuri.

A Marzo dell’anno successivo iniziò il primo tour nazionale, allo Shinjuku Wall, ma un tragico evento li colpì, ovvero la morte del conducente del loro autobus, che li portò a noleggiare delle auto per muoversi.

A Giugno fu edito il primo maxi singolo “FromNorthNineState”, sotto l’etichetta “ihaterecords”, e raggiunse la quarantatreesima posizione nella Oricon Chart e la prima posizione nella Indie Chart, dove vi rimase per 3 settimane.

La Omnibus Records gli offrì degli ingaggi assieme a band come The High-Lows, Jitterin’Jinn, Sherbets, Kemuri e Potshot.

Alla fine dell’anno l’uscita del tanto atteso primo album “Go!Upstart”, che in tre mesi raggiunge la sesta posizione nelle classifiche.

Nel Luglio 2002 ancora altri live con i Rize e la The Tokyo Ska Paradise Orchestra. Nello stesso periodo fu rilasciato il singolo in collaborazione con gli Shaka Labbits, “Stand By You”, che raggiunse la quinta posizione nelle chart.

Sempre nell’estate 2002 presero parte a diversi festival, come il Summer Sonic, ricevendo sempre più consensi e popolarità.

In autunno iniziarono lo "Stand By You Tour 2002" con gli Shaka Labbits, che fece ben 11 tappe, e vendendo tutti i biglietti il giorno stesso della loro uscita.

Ad Ottobre si trasferirono a Tokyo, e Shogo ebbe il suo primo TV show, "175r no allnightnippon-r", che fu trasmesso ogni Martedì. A questo fece seguito il loro radio show personale su FM802 Musicfreaks, in onda ogni Domenica sera.

E poi ancora in tour, supportati da vari ospiti come gli Shaka Labbits, Penpals e Nananine.

Nel 2003 celebrarono con un gran debutto il singolo “Happy Life”, ed in Aprile ebbero il loro primo gran successo con il singolo “Sora ni Utaeba”, che raggiunse la prima posizione dell’Indie Chart. In questo periodo Kazuya cambiò il suo nome in Kazya.

Un mese dopo tennero un concerto gratuito allo Yoyogi Kouen, con 25.000 partecipanti. A Luglio l’album “Songs” raggiunse la seconda posizione nelle classifiche.

In estate ancora in tour, partecipando a diversi festival come il Rock In Japan Festival 2003, giusto per nominare il maggiore.

Grazie al successo riscosso poterono partecipare al Kouhakuutagassen della NHK nella vigilia di Capodanno, un evento annuale per tutti coloro che sono famosi in Giappone.

Seguirono diversi singoli, DVD e live; l’album “Melody” raggiunse la terza posizione, seguito dal singolo “Orange” che fu registrato con MCU. Solo un mese dopo fu rilasciato il loro terzo DVD, "175r Live at Nippon Boudokan 04", mostrando a tutti quanto la band era cresciuta fino ad allora.

Il singolo “Graffiti” del 2005 fu rilasciato anche in un’edizione limitata con una confezione di Kit Kat, venduto solo nei Convience Store in Giappone. Conteneva una canzone, ma costava solo qualche centinaio di yen. Dello stesso anno sono il singolo “Melody” e "Shine, Hikari no Michishirube / Shiroi Christmas".

Nel 2006 misero in commercio l’album “7-Seven” ed il singolo “Boku wa Nanda - Ouen Shitaku Nattanoda!!”, e sono stati molto impegnati in attività come live, radio show, e varie apparizioni in tv e sui giornali.

Del 2007 è invece “Kimi to Himawari”, mentre per il 25 Aprile è prevista l’uscita del loro quinto album “Bremen”.