*Rassegna Stampa*

Qui si può parlare di argomenti non inerenti al mondo della jmusic.
Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

*Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 15 marzo 2011, 23:54

MAD IN JAPAN (articolo tratto da XL di Repubblica di Marzo 2011)

(metterò i miei commenti tra parentesi tipo (?) (ò_ò) ecc)
(dove ho potuto ho messo le stesse immagini che ci sono nell'articolo)

Pensavate che la musica del Sol Levante fosse solo rumore, rumore e ancora rumore?
Sbagliato: oltre il japanoizu, il famigerato noise giapponese (?), c'è molto di più: pazze lolite pop, idoli manga da classifica (?) e rocker supermarci (O_O). Eccoli...

Immagine

BORIS (giornale)

Tra gli inventori - assieme ai vari Earth e Sunn O))) - del cosiddetto drone metal, i Boris sono gli alfieri di un heavy sound sperimentale molto apprezzato anche in Europa.

SHUGO

Immagine

Delicato, intimista, malinconico ma a volte giocattoloso, è un cantautore pop sospeso tra beach boys, Sufjan Stevens e Animal Collective. Più indie di così si muore.

AKB48

Immagine

L'apoteosi del j-pop in salsa idol: un esercito di lolite che fa pensare a una Non è la Rai trapiantata in qualche anime per ragazzini con gli ormoni in subbuglio (O_O)

Shiina Ringo:

http://photoplastik.files.wordpress.com ... shiina.jpg (giornale)

Famosissima in patria e amata anche all'estero, è una delle figure centrali del pop giapponesi, oltre a essere anche leader dei Tokyo Jihen.

00I00

Immagine (giornale)

Un tripudio femminil-animalesco di percussioni in libera uscita e colorata follia, a ricordarci che il Giappone non è solo teen idol ma anche Ikue Mori e Yoo Ono.

Avatar utente
Grifoncina
Amministratore
Messaggi: 24096
Iscritto il: 29 giugno 2006, 22:53

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Grifoncina » 16 marzo 2011, 0:49

Sulle AKB48 non hanno tutti i torti però... XD
La mia collezione parziale di musica asiatica : http://www.jmusicitalia.com/jmusic/coll ... oncina-u3/

Avatar utente
URGH!
Lord of Jmusic
Messaggi: 6288
Iscritto il: 28 novembre 2008, 15:21

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da URGH! » 16 marzo 2011, 1:17

ma che cavolo di articolo sarebbe? o_O è scritto con i piedi!!! "giocattoloso"... mah! ._.
Immagine
Immagine
11/03/2011 per non dimenticare le vittime del terremoto in giappone

Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 16 marzo 2011, 2:44

e vedrai il resto domani xD

Avatar utente
URGH!
Lord of Jmusic
Messaggi: 6288
Iscritto il: 28 novembre 2008, 15:21

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da URGH! » 16 marzo 2011, 4:18

ho paura ò.ò
Immagine
Immagine
11/03/2011 per non dimenticare le vittime del terremoto in giappone

Avatar utente
jirochan
Capo Tribù Burundese
Messaggi: 7461
Iscritto il: 29 giugno 2006, 16:59

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da jirochan » 16 marzo 2011, 9:14

urge manifestazione di protesta

Avatar utente
elettra86it
Appassionato
Messaggi: 554
Iscritto il: 15 febbraio 2009, 0:27

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da elettra86it » 16 marzo 2011, 10:30

O_O ma che articolo è???
e che significa "giocattoloso"? O_o
Immagine]Immagine[/url]

Avatar utente
Last Angel
Knight
Messaggi: 10523
Iscritto il: 19 aprile 2008, 22:26

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Last Angel » 16 marzo 2011, 18:56

ma che skifo è ahahah
e poi vero, che significa "giocattoloso"? X°D
Immagine

Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 18 marzo 2011, 0:49

-continua-

Acid Mothers Temple

Immagine

Eredi del japrock ammi 70, gli AMT (a destra il leader, Kawabata Makoto (nell'immagine è quello al centro)) sono una tribù ultrapsichedelica che da 15 anni tempesta l'underground di vibrazioni acide.

Fino a non molto tempo fa la conoscevamo come la "land of the rising noise" (?), la "terra del rumore rigoglioso". Il gioco di parole era con quel "rising sun" (Sol Levante) con cui ,da sempre, si identifica il Giappone.
E il significato era che, quando si parla di musica, da lì non potevano che arrivare suoni deformi, molesti e, naturalmente, rumorosi. (O_O)
In realtà il cosiddetto japanoizu (noise giapponese), per quanto celebrato e mitizzato in Occidente, è sempre stato faccenda minoritaria in patria.
Quello dell'arcipelago nipponico è il secondo mercato discografico al mondo, subito dopo gli Stati Uniti, e la scena musicale che lo compone è varia, articolata, dispersiva come si conviene. Per molti versi, i caratteri non sono dissimili da quelli che muovono i mercati esteri, americani o europei che essi siano: anche qui a dettare legge sono i pluricelebrati idoli pop, specie se femminli (le idol, appunto). Ma, al tempo stesso, l'universo musicale nipponico conserva un che di strano, di morboso addirittura di malato: (e qui avrei voluto buttare il giornale)
prendete la copertina di di Love Jam, secondo album della notissima Ai Otsuka. Il titolo significa "marmellata d'amore", e la copertina ritrae il volto candido e fanciullesco della bella Ai, spruzzato di varie marmellate varie in puro stile cumshot. (poveri noi -.-)
Alle nostre latitudini, una cover del genere avrebbe comprensibilmente suscitato reazioni tra l'inorridito e lo scandalizzato: ma il J-Pop (il pop giapponese da classifica) è fatto così. Una specie di terra promessa popolata da lolite ammiccanti, uniformi da scuola media troppo corte e finto-bambine che giocano con una sessualità esplicita anche se raramente volgare.

Avatar utente
Grifoncina
Amministratore
Messaggi: 24096
Iscritto il: 29 giugno 2006, 22:53

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Grifoncina » 18 marzo 2011, 0:57

Ahahahahahah, a parte le varie ca**ate, la copertina di "LOVE JAM" di Ai Otsuka é proprio quello. XD
La mia collezione parziale di musica asiatica : http://www.jmusicitalia.com/jmusic/coll ... oncina-u3/

Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 18 marzo 2011, 0:58

Vabbè xD
ma non mi va giù comunque, se si chiama marmellata che colpa ne ha la parola xD

Avatar utente
Grifoncina
Amministratore
Messaggi: 24096
Iscritto il: 29 giugno 2006, 22:53

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Grifoncina » 18 marzo 2011, 1:17

Ma la "marmellata dell'amore" é proprio quella cosa lì. XD Poi concordo che hanno scritto una marea di s*******e ma su le AKB48 e la copertina di "LOVE JAM" concordo. XD
La mia collezione parziale di musica asiatica : http://www.jmusicitalia.com/jmusic/coll ... oncina-u3/

Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 18 marzo 2011, 3:08

A volte, è vero, il confine è labile: le AKB48 sono una specie di supergruppo di idol la cui formazione conta in tutto 48 (quarantotto!) ballerine-cantanti.
Praticamente, una specie di esercito teen, diviso in tre squadroni rispettivamente chiamati Team A, Team B e Team K. Ora, le ABK48 hanno sollevato un polverone per via di un video (quello di Heavy Rotation) *io non ne so nulla, non mi pare sia mai uscita una cosa del genere*
in cui l'armata di poco-più-che-maggiorenni seminude si dimena tra scenografie a mezza strada tra Kimagure Orange Road *che c'entra?* e sogni erotici del genere "lesbo di gruppo". *bah -.-*
Non bastasse, la leader del Team K Sayaka Akimoto è finita al centro di uno scandalo per via di una supposta relazione col produttore Hiroi Ouji, considerato "troppo vecchio" (lui ha 56 anni, lei 23):
ecco, questo in Italia non avrebbe scandalizzato granché... *BOMBA! XD*
Musicalmente il J-Pop è una variante colorata e cartonesca delle mode estere, R&B o genericamente mainstream: *come se ci fosse solo questo -.-*
delle stelle pop-rock alla Ringo Shiina alla varianti nippo-black come Utada Hikaru *spero che si riferiscano al genere di musica, ma anche lì c'è poco di correlato*, passando per la disco tamarra Ayumi Hamasaki *eccola xD* o quella più frizzante delle Perfume, senza contare progetti di lunga data come le Morning Mosume, il J-Pop è un oggetto quasi sempre al femminile *quasi, hai detto bene*
(anche se non mancano le boy band e culti gay alla Gackt) *XD*
tipicamente concepito in provetta, e frutto di un attento lavoro di laboratorio il cui scopo è quello di replicare in ottica locale le Britney e le Beyoncè d'oltreoceano *ma quando mai -.-*

World's End Girlfriend

Immagine

Tipico progetto da cameretta *ma che?* firmato Katsuhiko Maeda: mescola elettronica spezzettata, sentimentalismi indie e sushi pop da fumetto *devo ancora capire il senso di tutto ciò*

Guitar Wolf

Immagine

Dietro la sigla di Guitar Wolf si cela il progetto garage lo-fi di Seiji, un vero eroe. In giro già dalla fine degli 80, ha inventato un rock'n'roll così disastrato da aver fatto scuola.

Ayumi Hamasaki

Immagine *giornale*

La bella Ayumi, dagli occhioni più languidi di un manga firmato Riyoko Ikeda, è una delle idol più amate e seguite del Giappone.
La musica? Nel suo caso conta poco *e qui capisco quanto ne sa questo che ha scritto della sua intera carriera O___O*

Oorutaichi

Immagine *giornale*

Bizzarro e strampalato, quello di Oorutaichi è un electro-pop sghembo. infarcito di campioni strani e più saltellante di una tarantella.

Afrirampo

Immagine *giornale*

Tra le più belle realtà di quel Giappone avventuroso e underground, le Afrirampo da Osaka erano un duo (scioltosi a Giugno 2010) capace di un noise originalissimo e isterico.

-continua-

Il seguito è a dir poco immenso, e le idol sono vere e proprie star capaci di sbancare anche in Cina e Corea; ma accanto alla sgargiante galassia mainstream si muove un universo altrettanto ramificato e vario, anche lui con una sua fanbase risoluta e in qualche caso a un passo dall'isterico: è l'iindizu, il corrispettivo nippo dell'indie.
L'indie giapponese non è un vero e proprio genere musicale come negli Usa, e anzi racchiude qualsiasi gruppo o band genericamente non accasata su major. Il manga Beck, poi diventato un anime nel 2004, rischia di valere come manifesto di un fenomeno che, nonostante le origini di nicchia, può aspirare a successi commerciali per certi versi imprevisti, come quelli del cantautore Shugo Tokumaru , o dell'aggressivo jazz-punk dei Midori, capitanati dalla lolita pazza (?) Mariko e da poco sciolti dopo essere approdati su Sony.
In generale a dettare legge è un'idea di pop-punk più o meno emo, declinato in tutte le salse sulla scia dei classici (in patria) Mongol 800 e Husking Bee;
ma anche la rinomata scuola indie-tronica rimane molto attiva, con nomi come World's End Girlfriend e Oorutaichi a proseguire il discorso dettato a suo tempo dai vari Nobukazu Takemura e Joseph Nothing.
E non mancano ovviamente le parentesi folk, electro-pop, garage rock e chi più ne ha più ne metta. L'indiizu è insomma vastissimo e conta su un seguito affezzionato per non dire maniacale, anche se sono in molti a rimpiangere i bei tempi dello Shibuya-kei, il movimento di inizi 90 nato nel quartiere Shibuya di Tokyo che impose al mondo l'eccentrico electro-lounge di gente come Pizzicato Five e Cibo Matto.
Qualcosa del genere prese forma alcuni anni fa, ancora a Tokyo, nel quartiere Shimokitazawa, ma l'opinione diffusa è che il periodo d'oro dell'indie del Sol Levante sia ormai acqua passata, e non è un caso che anche all'estero i nomi più conosciuti siano perlopiù vecchiotti.
In Occidente d'altronde, si diceva in apertura, Giappone significa prima di tutto suoni storti, deliranti, strani, *ro ro romama, Gaga uh la la -.-*
e in effetti il contributo più grande del Sol Levante, in termini di musiche, sta proprio nella sua propensione all'epilessia *si, quella che hai avuto mentre scrivevi -.-*
e alle soluzioni estreme, e questo più o meno da sempre:
chiedete a Julian Cope, che nel libro Japrocksampler riesuma la scena nippo-psichedelica degli anni 60 e 70, dai Rallizes Denudes in giù, gente che è passata direttamente dalle jam avant-lisergiche agli attentati terroristici veri e propri (non per scherzo: nel 1970 le indagini sul dirottamento di un aereo da parte della sedicente Armata Rossa Giapponese condussero a non pochi appartenenti alla scena).
E se oggi i vari Keiji Haino, Boredoms e Merzbow sono ormai dei classici dell'antimusica, a fianco a loro andrebbero citati autentici folli come Guitar Wolf (paladino del lock'n'loll più scoppiato che si sia mai sentito) *prende pure per il culo*
visionari come gli Acid Mothers Temple (psichedelia dilatatissima e sconvolta), e ovviamente i Boris, riveriti eroi dell'heavy metal più sperimentale.
Ancora negli anni 2000, a rinverdire i fasti della "land of rising noise" ci pensarono le geniali Afrirampo, scioltesi giusto qualche mese fa: tribali, selvagge, sguaiate, hanno collaborato con gente come Yoko Ono e i Sonic Youth.
Oppure le altrettanto esagitate OOIOO, fondate non a caso dalla batterista del Boredoms Yoshimi P-We.
Sono loro, stranite e scontrose, dissonanti e lunari, il vero antidoto delle mossette rosa shocking del J-Pop.
Capaci di turbare, a furia di ulcere e urla stregonesche, più di qualsiasi Heavy Rotation variegata al gusto (soft)core. *non può essere tutta indie la musica -.-*

FINE.

Avatar utente
Grifoncina
Amministratore
Messaggi: 24096
Iscritto il: 29 giugno 2006, 22:53

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Grifoncina » 18 marzo 2011, 19:02

Si e adesso Ayu musicalmente non conta niente, ma fatemi il piacere!!! C'é qualcosa che salverebbero nella musica giapponese? Io dico di no perché é chiaro che sono partiti totalmente prevenuti!!! =__=
La mia collezione parziale di musica asiatica : http://www.jmusicitalia.com/jmusic/coll ... oncina-u3/

Avatar utente
Andrea1306
Knight
Messaggi: 13154
Iscritto il: 17 gennaio 2008, 1:09

Re: *Rassegna Stampa*

Messaggio da Andrea1306 » 18 marzo 2011, 19:15

Solo l'indie xD

Torna a “L'angolo degli OT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 0 ospiti